~ ITA ~ ENG

GRUPPO EDITORIALE MAURI SPAGNOL (VIDEO INFOGRAFICO DI 4', © 2014)

grafico societa

Il Gruppo editoriale Mauri Spagnol (GeMS), così denominato in omaggio ai due fondatori, è nato a Milano il 13 ottobre 2005 ed è frutto della profonda intesa tra due grandi famiglie di editori. La holding, guidata da Stefano Mauri in qualità di presidente e amministratore delegato, insieme a Luigi Spagnol amministratore delegato, è controllata da Messaggerie Italiane per il 70,08%, dalla famiglia Spagnol per il 21,85%, da Elena Campominosi per il 5,00% e da Andrea Micheli per il 3,07%.
Aggregando e coordinando il lavoro di 10 case editrici e 18 marchi editoriali, ha lanciato negli ultimi anni importantissimi bestseller e grandi autori. J.K. Rowling, autrice della saga di Harry Potter, Ildefonso Falcones, Glenn Cooper e Massimo Gramellini, fenomeni editoriali sempre ai primi posti delle classifiche di vendita. E ancora: Andrea Vitali, Clara Sánchez, Albert Espinosa, Vanessa Diffenbaugh e Gianluigi Nuzzi. Non vanno dimenticati autori che hanno fatto la storia del catalogo del Gruppo, entrando nelle case di milioni di famiglie italiane come grandi classici contemporanei: Wilbur Smith, Luis Sepúlveda e Tiziano Terzani. Tanti i successi da oltre un milione di copie vendute.
GeMS si quindi è rapidamente affermato come gruppo editoriale di riferimento del panorama italiano, specialmente riconosciuto per la sua abilità nello scouting e nel lancio dei più promettenti autori internazionali.
Il Gruppo editoriale Mauri Spagnol è dunque uno dei principali attori del mercato editoriale italiano. Nel 2014 ha raggiungo importanti risultati su tutti i canali.
Negli ultimi anni, inoltre, GeMS ha investito massicciamente nel digital marketing e nel digital publishing, settore in cui ha conseguito una crescita della propria quota di mercato superiore ai grandi gruppi concorrenti.
Il ruolo di GeMS è quello di sovrintendere alle funzioni industriali che traggono vantaggio dalle cooperazione di gruppo, lasciando alle singole case editrici completa autonomia editoriale, la piena facoltà di intraprendere l'acquisizione di nuovi autori e la responsabilità della pianificazione economica e finanziaria dei diversi progetti editoriali.